Skip to content

Elezioni nel bolognese: È wiva Casalecchio tra welfare, lavoro e legalità

di Massimo Masetti
Esiste un posto, a 7 chilometri da piazza Maggiore, a Bologna, dove un gruppo di donne e uomini che vive, lavora, studia e fa volontariato si mette a disposizione della propria comunità. Questo posto di chiama Casalecchio di Reno. Da sempre Casalecchio è la porta sud della città felsinea, luogo di resistenza e memoria. Da qui passano le grandi infrastrutture ferro stradali e le innovazioni sociali.
Ma per far sì che la storia continui senza interruzioni, un gruppo di persone di buona volontà ha deciso di impegnarsi per Casalecchio: sono i candidati e le candidate della lista È wiva Casalecchio. Ecco il binario su cui viaggiano le idee che caratterizzano questa avventura: accoglienza è sicurezza, lavoro è solidarietà, casa è territorio, antifascismo è storia, ambiente è sviluppo, scuola pubblica è futuro.
Casalecchio è una città che ha ancora una dimensione vivibile e un tessuto sociale dinamico: queste caratteristiche vanno difese, valorizzate e sviluppate. Solo una comunità accogliente può essere anche sicura: emarginare ed escludere genera rabbia, paura e risentimento, includere ed integrare, al contrario, contribuisce alla crescita di tutti i cittadini.
Le priorità di È wiva Casalecchio perciò sono il welfare, perché le persone fragili vanno aiutate e supportate; la sostenibilità, perché le scelte di oggi condizionano la nostra vita domani; il lavoro, quello “buono”, con la giusta retribuzione, coi diritti e stabile; la legalità, perché la lotta alla corruzione e alla mafia è un dovere per tutti.
La partecipazione è libertà, diventa quindi imprescindibile il coinvolgimento dei cittadini nelle scelte dell’amministrazione. Oggi più che mai è necessario ridare fiducia alle persone coinvolgendole, per sviluppare quel senso di Comunità che contribuisce a far crescere tutti, senza lasciare indietro nessuno. Nella lista ci sono candidati e candidate dai 22 agli 80 anni, con differenti competenze e passioni, che hanno Casalecchio nel cuore.
Questo gruppo di persone vuole evitare che un patrimonio di buon governo, solidarietà ed antifascismo finisca nelle mani di una destra dilettante ed improvvisata che ha in testa una sola idea: smantellare un sistema di welfare, tra i più avanzati del mondo, faticosamente costruito dalla liberazione ad oggi. La lista ha inoltre l’ambizione di contribuire  a un progetto che disegni un orrizzonte per la sinistra che allo stato attuale non sembra averlo.La  sinistra che vorremmo…….È wiva Casalecchio.

Aiutaci a diffondere il giornalismo libero e indipendente.