Skip to content

Libri per bambini e stereotipi di genere / 2

Books and drawings - Foto di Simone Ramella
Books and drawings - Foto di Simone Ramella
di Cinzia Sciuto
Visto l’interesse suscitato dal primo post sull’argomento, torno sul tema libri per bambini e stereotipi di genere, che mi sta molto a cuore (sarà per i due cuccioli a cui sono capitata per madre), segnalando questo nuovo post di Caterina Lazzari.
Di mio aggiungo che, purtroppo, gli stereotipi di genere (che sono quelli più duri a morire) si annidano anche in libri potenzialmente molto interessanti. Prendiamo per esempio “Il tostamostri” (di Sophie Benini Pietromarchi, edizioni Sinnos), un libro che affronta in maniera divertente una questione con cui tutti i genitori hanno a che fare quasi quotidianamente: che fare quando tuo figlio chiede insistentemente “mi compri questo o quello?”. Le illustrazioni sono molto particolari, con un felice mix di disegni e collage che rende il libro molto originale, e sempre efficace è l’utilizzo di una famiglia di animali – in questo case delle rane – come protagonisti della storia.
La rappresentazione dei ruoli genitoriali, però, non poteva essere più stereotipata di così: è la mamma quella che si ritrova ad accogliere continuamente la domanda “mi compri il tostamostri?”, è alla mamma che tocca sempre dire di no. Una mamma sempre a disposizione dei figli, impegnata esclusivamente in attività di cura della famiglia: dà da mangiare alla sorellina, va al supermercato a fare la spesa, prepara la cena, accompagna il figlio dall’amichetto e “ciaccola” con l’altra mamma, rimbocca le coperte e dà il bacio della buona notte.

E il papà? È chiuso nel suo studio, a leggere. Il figlio lo “disturba” una sola volta per chiedergli del tostamostri e lui non si sforza neanche di direi di no, limitandosi a mugugnare “mmm… sto leggendo”.
Un vero peccato, vista la cura per le immagini e l’attenzione all’immaginario e alla creatività dei bambini che il libro, per altri versi, dimostra.
Questo articolo è stato pubblicato su Micromega online il 2 luglio 2014

Aiutaci a diffondere il giornalismo libero e indipendente.