Skip to content

Frode fiscale, condannata la Trump Organization

Ma davvero vedremo Donald Trump con la tuta arancione dei carcerati e robusti agenti federali che lo accompagnano in manette verso un penitenziario federale? Il sogno proibito dei democratici americani (e di decine di milioni di persone in tutto il mondo) nel 2023 potrebbe forse avverarsi.

Mettiamo in fila le quattro indagini principali che lo riguardano (ma ce ne sono altre). Il pericolo più grave riguarda il suo ruolo nell’attacco al Congresso del 6 gennaio 2021, che ora procede nelle mani di un procuratore indipendente nominato la settimana scorsa. La seconda è in corso in Georgia, per il tentativo di manipolare i risultati elettorali del 2020: questa è in uno stadio molto avanzato e già in marzo Trump potrebbe ritrovarsi sul banco degli imputati. La terza è quella relativa ai documenti segreti ritrovati dall’Fbi nella sua residenza di Mar-a-Lago, in Florida. La quarta nasce dalla condanna della Trump Organization per frode fiscale, avvenuta l’altro ieri a New York.

Tutte queste indagini, in vari stadi di avanzamento, potrebbero portare Trump in galera per il resto dei suoi giorni ma si scontrano con un ostacolo politico: l’annuncio di una sua nuova candidatura alla presidenza, avvenuto due settimane fa. Negli Stati Uniti l’esercizio dell’azione penale è discrezionale, come vorrebbe fare anche in Italia il governo Meloni mettendo fine all’indipendenza della pubblica accusa. Se i pubblici ministeri non sono però autonomi nelle loro decisioni ma seguono le direttive del governo in carica, incriminare per tradimento e insurrezione un candidato alla presidenza del partito opposto è politicamente esplosivo, un’azione mai avvenuta dal 1787 ad oggi, un processo che assumerebbe caratteri politici degni della Cina di Xi.

Questo è il motivo per cui l’Attorney general Merrick Garland ha nominato un procuratore indipendente con un curriculum inattaccabile, Jack Smith, che deciderà il da farsi (Smith non sorride mai e quando sorride sembra una tigre che si lecca i baffi pensando a voi come a una buona cena). Gran parte del lavoro è già stato fatto dalla commissione d’inchiesta della Camera che in questi giorni passerà il materiale raccolto e le sue raccomandazioni al dipartimento della Giustizia, quindi anche in questo caso le indagini potrebbero concludersi rapidamente con un rinvio a giudizio nel 2023 (nessuno vuole aprire un processo politico in un anno elettorale come il 2024).

A complicare le cose sta la presa di Trump sulla base del partito repubblicano, diminuita ma non scomparsa. Nelle elezioni per il Senato in Georgia di cui parliamo in questa stessa pagina ha vinto il senatore democratico Raphael Warnock ma il 49% dei votanti ha comunque sostenuto un candidato impresentabile come Herschel Walker, incapace di articolare tre frasi sensate di fila ma scelto da Trump.

Quindi è possibile che nelle primarie repubblicane del 2024 appaiano altri candidati ma le loro possibilità di successo contro l’ex presidente sono dubbie. Il governatore della Florida Ron Desantis ha l’ambizione di sfidare il suo maestro e probabilmente troverebbe il sostegno dell’establishment del partito ma in fin dei conti sono i voti dei cittadini che decidono e a votare nelle primarie vanno i più militanti e ideologizzati, non i tiepidi e gli incerti.

In Georgia, l’energico procuratore democratico Fani Willis annuncerà nelle prossime settimane il rinvio a giudizio di Trump per la telefonata del gennaio 2021 in cui chiedeva al responsabile delle elezioni nello Stato, Brad Raffensberger, di “trovargli” 11.000 voti in più per rovesciare a suo favore il risultato delle elezioni presidenziali nello Stato (lo scarto fra Biden e Trump era appunto molto piccolo). Un caso a prova di bomba per l’accusa, visto che esiste la registrazione della telefonata, eseguita dallo stesso Raffensberger.

L’ex presidente può sempre contare su una Corte suprema amica (tre dei nove giudici sono stati nominati da lui e altri tre sono conservatori fino al midollo) ma la sua stella è molto appannata e non è detto che i giudici non decidano di abbandonarlo al suo destino, in base a considerazioni puramente politiche. Forse l’indagine più pericolosa per Trump è quindi quella per frode fiscale a New York perché il verdetto contro la sua Trump Organization annuncia non solo una multa milionaria ma possibili ricadute penali in futuro. Storicamente le giurie americane hanno sempre avuto poca simpatia per gli evasori: a suo tempo Michele Sindona fu condannato a 25 anni di carcere appunto per questo come, decenni prima, il gangster Al Capone.

Questo articolo è stato pubblicato su il manifesto l’8 dicembre 2022

Aiutaci a diffondere il giornalismo libero e indipendente.

Articoli correlati

gasolio
di Mauro Del Corno /
nuke
di Valentina Neri /
gas (1)
di Agostino Petrillo /