Skip to content

Il 28 e il 29 giugno al centro Costa di Bologna, torna La Manifesta!

Martedì 28 e mercoledì 29 giugno, al Centro G. Costa di Bologna (Via Azzo Gardino 48), si terrà La Manifesta, l’evento annuale promosso dall’associazione il manifesto in rete. Quest’anno la “due giorni” sarà dedicata a un ciclo di incontri intitolato “La guerra e le sue tragiche conseguenze”.

A QUESTO LINK POTETE TROVARE IL PROGRAMMA COMPLETO DE LA MANIFESTA 2022

L’evento sarà trasmesso in diretta sulla nostra pagina facebook (https://www.facebook.com/IlManifestoBologna/)

Qui di seguito condividiamo il breve testo che abbiamo ideato come introduzione a i temi di questa edizione, che si preannuncia ricca di preziosi contributi e dibattiti.

«Dopo la pandemia, nonostante limiti e contraddizioni, si faceva strada una consapevolezza ancora maggiore di invertire il ciclo economico insostenibile e di puntare decisamente a fonti non climalteranti, ma ecco che un’altra guerra ha riportato indietro l’orologio. Ad uccidere non è un virus “sconosciuto” ma armi sempre più sofisticate create a questo scopo. Ora che a confrontarsi sono due potenze mondiali e lo fanno nel cuore dell’Europa, cominciamo a toccare con mano gli effetti devastanti di un conflitto, con le sue atrocità e distruzioni sul campo, con lo stravolgimento di vite di milioni di persone, un conflitto che apre sempre più il divario tra ricchi e poveri, facendo pagare a questi ultimi il prezzo più alto. Chi fa e fomenta le guerre non solo non ha a cuore il futuro del pianeta ma nemmeno quello dei propri figli, nell’idiota arroganza di chi è convinto che gruppi ristretti di potenti, a cui nel presente personalmente appartengono, potranno sempre salvarsi anche in un pianeta morto. Com’è nostra abitudine, muovendoci in direzione ostinata e contraria, cerchiamo di offrire un’occasione di riflessione, assolutamente necessaria proprio ora sembrano prevalere gli schieramenti pregiudiziali. Vi proponiamo questi appuntamenti per discutere dei maggiori problemi che la guerra pone al mondo e a noi con esso»

Aiutaci a diffondere il giornalismo libero e indipendente.

Articoli correlati