Skip to content

No al nuovo polo logistico in Valsamoggia

Legambiente esprime forti perplessità riguardo al recente avvio, dato dal Comune di Valsamoggia, al progetto che vedrà la realizzazione di un nuovo Polo logistico nell’area di proprietà Beghelli. Si tratta di un intervento che pur dichiarandosi, nelle premesse, in linea con la sostenibilità ambientale e coerente con il Patto per il Lavoro ed il Clima, nella sostanza va nella direzione esattamente opposta. Una direzione pericolosa da diversi punti di vista:

In primo luogo ambientale: si passa da circa 23 mila metri quadrati di edificato a circa 91 mila, quasi il quadruplo e a scapito di terreno agricolo.

“Ci chiediamo cosa accadrebbe un domani molto prossimo se la nuova area dovesse essere dismessa, visto che già ora si deve affrontare il grosso problema di un’area dismessa considerevole. Di certo non se preoccuperebbe il privato, come successo fino ad ora. Accade sempre così, i privati edificano aree industriali (ex agricole) promettendo posti di lavoro, poi se il lavoro da altre parti costa meno si chiudono le fabbriche ed il pubblico si deve preoccupare delle aree dismesse. Anche questo sarebbe un paradigma sul quale cominciare a ragionare e da sovvertire, se il privato delocalizza si deve fare carico di tutti i costi per dismettere l’area.” – dichiara Legambiente.

Si possono fare tutte gli sforzi che si vogliono ma non si riuscirà mai a dimostrare che quadruplicare un’area industriale sia coerente con una linea politica che ambisce al consumo di suolo zero con il Patto per il Clima.

Questo nuovo polo logistico aumenterà la cementificazione (e corrispondentemente un’area agricola verrà ridotta), il trasporto su gomma nell’area di Valsamoggia subirà un notevole incremento con conseguenze sull’inquinamento e ripercussioni negative nei confronti dei suoi abitanti.

La risposta alla crescente esigenza dello smistamento delle merci, pensando ad un polo logistico basato sul trasporto su gomma, è anacronistica, perdente e pericolosa, perché si limita a risolvere il problema contingente senza pensare al domani. Significa reiterare soluzioni che hanno portato all’attuale emergenza climatica e incrementare le ormai insostenibili emissioni di gas serra nell’atmosfera.

Anacronistico e perdente perché in un’ottica di medio e lungo termine i trasporti delle merci dovranno essere prevalentemente attuati utilizzando la ferrovia e abbandonando, rapidamente e progressivamente, il trasporto su gomma. I poli logistici, di conseguenza, dovranno fin da subito essere progettati e realizzati in prossimità delle linee ferroviarie più importanti.

Al riguardo, occorre che la loro progettazione e l’individuazione dei siti più appropriati risponda alle esigenze dell’intera area metropolitana di Bologna. La programmazione e la decisione sulle strategie devono essere quindi necessariamente prese a livello regionale e di Città Metropolitana.

Più che rispondere a questa esigenza di ampia portata, il progetto del Polo logistico di Valsamoggia pare fornire una via d’uscita per un privato (Beghelli) che ha dismesso anni fa un’area industriale, ritenendo più vantaggioso per sé andare a produrre altrove. Una concessione che gli permetterebbe di attuare un’operazione immobiliare vantaggiosa e sostenuta dal “pubblico”, che investirebbe considerevolmente nelle infrastrutture necessarie alla sua realizzazione.

Infine, riteniamo inaccettabile la mistificazione del tema dell’aumento dell’occupazione. È utile precisare che, intanto, la precedente dismissione ha comportato una perdita di posti di lavoro. Si parte quindi da un valore negativo e a questo si deve fare riferimento nel valutare le cifre sbandierate di 300 nuove assunzioni, comunque da verificare. Quanto al tipo di lavoro, è consolidato che, dopo i primi tempi in cui si vuol fare credere il contrario, si tratti di lavoro sottopagato, precario (part time prorogati contro legge) e subappaltato a cooperative e/o, se va bene, ad agenzie interinali.

Si veda il recente caso di un polo logistico di Roma che riassume questi aspetti (a questo link). Una triste storia che si ripete costantemente nei poli logistici di ogni parte d’Italia.

La politica deve passare dalle dichiarazioni di principio alle decisioni concrete in linea con esse per una vera inversione di rotta. Da subito e non da domani!

Legambiente chiede quindi che si apra un confronto serio a livello di Città Metropolitana e di Regione Emilia-Romagna riguardo al tema dei poli logistici in programmazione nell’area di Bologna, all’interno del quale venga inserita anche l’ipotesi di realizzazione del progetto di Polo Logistico di Valsamoggia.

Valsamoggia, 24/02/2022

Circolo Legambiente SettaSamoggiaReno

Legambiente Emilia-Romagna APS

Aiutaci a diffondere il giornalismo libero e indipendente.

Articoli correlati

Quanto inquina la guerra?
di Marco Brando /
Bilancio in rosso per gli impianti del Corno alle Scale
di Un altro appennino /