Skip to content

Decontaminare i territori dai traffici di veleni e dall'illegalità


di Legambiente Bologna Libera e Comitato Io Lotto
A Bologna uesta sera, venerdì 14 luglio alle 21, nell’ambito di Etica (Festival della Responsabilità Civile) presso il circolo La Fattoria, via Pirandello 6 incontrano Enrico Fontana, direttore di Nuova Ecologia e della Segreteria nazionale di Legambiente Don Praticiello, una delle voci più autorevoli del popolo inquinato della Terra dei Fuochi per affrontare temi sempre purtroppo attuali, come quelli dei traffici di rifiuti, degli incendi dolosi e di altre illegalità ambientali che minacciano lo sviluppo, la salute e la vita delle popolazioni di vaste zone del nostro Paese.
Centinaia di migliaia di ettari di bosco bruciano in queste settimane per mano di ritorsioni e mire criminali delle mafie che attanagliano le nostre regioni: il risultato è drammatico per i beni comuni ambientali, per l’economia dei territori e per l’incolumità delle popolazioni. La legge sugli ecoreati inizia a dare i primi frutti con un miglioramento della forbice tra reati individuati e reati puniti mentre si registra una leggera diminuzione degli illeciti.
Ma il cammino per l’affermazione della legalità è ancora lungo e la risposta dello Stato e delle amministrazioni locali risulta gravemente inadeguata. I roghi di queste settimane, letteralmente infuocate, ci dimostrano infatti che la guardia è ancora troppo bassa su questo terreno anche perché molti piani regionali di prevenzione degli incendi sono non ancora approvati o non operativi, mentre all’accorpamento del Corpo Forestale dello Stato nell’Arma dei carabinieri non sono seguiti i provvedimenti applicativi necessari per un riassetto dell’apparato in grado di raccogliere questa sempre più micidiale sfida della criminalità.

Dalla Festa di Etica l’impegno a fare rete nei diversi territori, dalle Alpi alla Sicilia, per affermare la legalità in difesa di preziosi patrimoni ambientali e della salute delle comunità che non possiamo lasciare in mano agli speculatori e ai criminali.

Aiutaci a diffondere il giornalismo libero e indipendente.