Skip to content

Coop Dolce: sì all'adeguamento del contratto. La vittoria dei lavoratori

Coop Dolcedi Massimo Corsini
Alla fine, forse, si può parlare di una battaglia vinta. Ammesso che di battaglia si sia trattato, per quanto breve. Comunque sia, la coop Dolce ha accettato di pagare l’adeguamento contrattuale da dicembre comprese le tredicesime, quindi, in teoria, i soldi dovrebbero essere già arrivati ai dipendenti della cooperativa, pagando quest’ultima il 20 di ogni mese.
A comunicare la felice notizia è il sindacato della funzione pubblica della Cgil che tre giorni fa, come promesso, ha avuto un incontro con la prefettura. All’incontro del sindacato ha fatto seguito un secondo incontro dei soci del Cda della Dolce con la prefettura stessa. La referente della Cgil ha reso noto che la cooperativa ha assunto l’impegno formale di adeguarsi al contratto nazionale dal mese corrente, per busta paga e tredicesima, e conferire gli arretrati di ottobre e Novembre con la busta paga di gennaio.
L’antefatto che aveva portato al braccio di ferro fra coop Dolce e sindacati, com’è noto, è stata una serie di decisioni unilaterali della cooperativa in merito all’adeguamento del contratto nazionale del lavoro, al pagamento dell’elemento retributivo territoriale e ad una revisione che si potrebbe definire “al ribasso” del regolamento interno alla stessa cooperativa con un peggioramento del trattamento di malattia e maternità. A quanto pare i primi due nodi sono risolti, la partita resta aperta ancora per quanto riguarda invece l’ultimo punto.

Aiutaci a diffondere il giornalismo libero e indipendente.