Skip to content

Un sabato per il Manifesto

Sabato 7 luglio, sotto l’ombra degli alberi nel giardino del centro Giorgio Costa, si è svolta – nell’ambito della Manifesta promossa dal circolo di Bologna – l’assemblea “per il futuro del Manifesto”, alla quale hanno partecipato i rappresentanti di una parte dei circoli che, nella prima assemblea del 25 febbraio di quest’anno, si costituirono in rete in tutt’ Italia.

Alcuni circoli che non hanno potuto partecipare, impegnati in altre iniziative a Salerno, ad Avellino e in Versilia, non hanno fatto mancare il loro contributo con documenti e lettere.

A Bologna c’erano le compagne ed i compagni di Modena, Ravenna, Rimini, Cesena, Forlì, anche della Sardegna, di Padova, Vicenza, Udine eRoma, una cinquantina di persone oltre ai rappresentanti della redazione, Valentino Parlato, Loris Campetti, Angela Pascucci, Benedetto Vecchi, Eleonora Martini, Carlo Lania, Giusi Marcante, Tiziana Ferri, Patrizia Cortellessa e Angelo Mastrandrea in collegamento telefonico da Roma.

La discussione, molto articolata, è stata più chiara e incisiva che in altre occasioni, entrando nel merito dei problemi aperti e nell’esame dei possibili scenari futuri del giornale.

Mastrandrea ha riepilogato il risultato della faticosa trattativa con il Governo e con i liquidatori, che ha portato alla cassa integrazione a rotazione per la metà dei lavoratori per un periodo di sei mesi, replicabile fino al marzo 2013. Mastrandrea è anche entrato nel dettaglio delle modalità organizzative della gestione della CIGS e ha illustrato l’ipotesi di soluzione economica dal riacquisto all’affitto della testata per due anni.

Guido Ambrosino, corrispondente da Berlino, ha presentato la sua idea di costruire una società di lettori, proprietaria del giornale, sul modello della berlinese Tageszeitung (TAZ) che raccoglie oltre dodicimila soci e partecipa attivamente alla vita del giornale, nel pieno rispetto dell’autonomia della redazione: un modello vincente e che continua a crescere. Ambrosino ha ricordato che la Taz, all’atto della sua nascita, prese ispirazione proprio alla prima esperienza di società di partecipazione dei lettori del Manifesto 80’…

Quest’idea di una società dei lettori comproprietaria del giornale, ha avuto il riscontro favorevole di tutti i rappresentanti dei circoli: gli interventi che si sono succeduti hanno posto l’accento sulla necessità che si esca dalla crisi con un progetto che veda il pieno coinvolgimento dei circoli stessi, che devono essere messi a parte, con chiarezza e senza reticenze, dell’ effettiva situazione economica e di quanto avviene all’interno del giornale.

L’opinione comune dei circoli – espressa negli interventi, tra gli altri, di Marco Ligas, Giuliana Beltrame, Enrico Stagni, Mauro Chiodarelli, Giacinto Cimino, Claudio Magliulo, Roberto Verdi, MirKa, Silvia Lolli, Vincenzo Scalia dell’associazione Antigone, Ivano Di Cerbo – è che non si possa continuare a tenere separata la gestione concreta del giornale dalla realizzazione di un piano per il suo rilancio: quest’obiettivo richiede il più ampio coinvolgimento del mondo dei lettori, com’è nella storia e nella natura del Manifesto.

Dal lato della redazione, Benedetto Vecchi del CDR ha rappresentato il punto di vista dei lavoratori, sostenendo la necessità di una cesura col passato del giornale e del superamento definitivo dell’esperienza, importante ma ormai consumata, delle origini. Pur nel riconoscimento di chi ha contribuito al suo successo, Vecchi ha ribadito la centralità del ruolo di chi nel giornale lavora oggi, senza negare la possibilità, in un futuro però incerto e tutto da verificare, della realizzazione di una proprietà collettiva che però non vede come risposta attuale e risolutiva della crisi. Valentino Parlato ha proposto con molta forza la necessità che si apra una discussione pubblica su una pagina del giornale dedicata al futuro del Manifesto, con la partecipazione di tutte le componenti: collettivo, ex dipendenti e soprattutto i circoli, ai quali ha chiesto un apporto più coraggioso di critiche e di proposte. Giusi Marcante ha sottolineato che la responsabilità del destino del giornale è esclusivamente di chi ci lavora e che i circoli possono svolgere un’utile funzione di sostegno esterno. Loris Campetti ha ripreso la proposta di costruire un progetto collettivo che consenta la riorganizzazione in una nuova società cooperativa, che sia compatibile con le norme, per garantire la continuità del finanziamento pubblico, non rinunciando a coinvolgere nella proprietà, nei modi che saranno consentiti, forma associativa o fondazione, il mondo dei lettori e dei circoli che rappresentano una delle novità più interessanti della storia del giornale. Di diverso avviso l’intervento di Carlo Lania della redazione che ha riconosciuto (e sollecitato) ai circoli un importante contributo di segnalazione ed informazione dal territorio, escludendo la possibilità di una loro partecipazione alla proprietà, in particolare della testata, che ritiene debba appartenere esclusivamente a chi ci lavora.

L’assemblea ha concluso i suoi lavori assumendo l’impegno a riconvocarsi il 13 agosto alla Manifesta della Versilia, e di aprire da subito, come proposto da Valentino Parlato, la discussione sul futuro del giornale in una pagina a ciò dedicata.

Ci sembra che il senso politico di questa discussione, al di là delle diverse opzioni in campo, sia nel riconoscimento della necessità di un piano di rilancio del giornale, rilancio che non potrà prescindere da un ripensamento della sua forma attuale.

Pensiamo che la forma concreta dell’assetto societario e della proprietà della testata debba essere cercata e costruita in un dibattito aperto e partecipato, con l’obiettivo di coniugare l’autonomia professionale e gestionale del collettivo dei lavoratori del giornale con la dimensione più ampia del collettivo dei lettori e dei sostenitori.

Il tempo disponibile per l’azione, secondo quanto comunicato, è decisamente breve, la discussione è aperta.

Nonostante il caldo e la fatica, siamo confortati dal buon esito politico, di partecipazione ed anche economico della Manifesta che è senza dubbio un buon segnale, sul sito a breve i resoconti filmati: un’esperienza che certamente replicheremo

p. il circolo di Bologna
Sergio Caserta

Aiutaci a diffondere il giornalismo libero e indipendente.