Skip to content

La Palestina e le parole taciute

In tutti i dibattiti, webinar, seminari che si sono tenuti nel corso della così detta quarta guerra contro Gaza, ci sono delle parole che non sono mai state pronunciate e questo fa  capire come questa tregua non ha in se alcun germe di pacificazione.

Per i palestinesi tra l’altro non c’è alcuna tregua, tutto continua come prima e peggio di prima: arresti, assassinii, violenze nelle proprie case, espropriazione di case e terreni, ridotto accesso ai beni come acqua, salute, istruzione.

Ma veniamo alle parole che non si è avuto la decenza di pronunciare per non irritare l’ospite pro israeliano di turno in tutti questi dibattiti. Occupazione: i Palestinesi sono un popolo occupato da parte non di uno stato (israele), ma da parte di un progetto sionista che è ben precedente alla ratificazione ONU del 48 che assegnava ad una minoranza ebraica la maggioranza delle terre palestinesi. “Questo progetto di pulizia etnica nei confronti degli abitanti della Palestina, era stato pianificato e preparato in modo accurato. Innanzitutto venne proposto un registro dettagliato di tutti i villaggi palestinesi, gestito dal Fondo Nazionale Ebraico (JNF) . Questo meccanismo di registrazione e di schedatura dei villaggi palestinesi era iniziato a partire dagli anni ’30. Di ogni villaggio erano state indicate le vie d’accesso, la qualità della terra, le sorgenti d’acqua, quali fossero le principali fonti di reddito, la struttura socio-politica, le appartenenze religiose, le relazioni con gli altri villaggi, l’età degli uomini tra i 16 ed i 50 anni e altri dettagli ancora, in particolare veniva anche indicato il “livello di ostilità”, verso i sionisti, questo indice era stato stabilito in base alla partecipazione o meno del villaggio alla rivolta del 1936” ( Ilan Pappe, storico israeliano  “La pulizia etnica della Palestina”). Il progetto sionista ha potuto prendere forma grazie al fatto che il 02 novembre 2017 un ministro degli esteri di un paese europeo (Balfour- inglese) ha dato il permesso al capo di una etnia religiosa europea (Rotschild – ebreo) di occupare terre non sue (la Palestina) dove viveva in armonia il popolo palestinese: arabi mussulmani, arabi cristiani e, se vogliamo considerare la definizione del vocabolario Treccani (arabo: “denominazione che designa in senso stretto gli abitanti musulmani dell’Arabia e più comunem. tutti gli individui aventi per lingua madre l’arabo”) arabi ebrei perché comunicavano  tra loro con una lingua comune che era l’arabo.

La seconda parola è resistenza: i palestinesi come popolo occupato hanno il diritto a resistere. La risoluzione 37/43 dell’AG dell’ONU ribadisce “la legittimità della lotta dei popoli per l’indipendenza, l’integrità territoriale, l’unità nazionale e la liberazione dal dominio coloniale e straniero e dall’occupazione straniera con tutti i mezzi disponibili, compresa la lotta armata”. I palestinesi lottano quotidianamente con qualsiasi mezzo:  pietre, temperini, automobili, coltelli, forbici, contro un esercito ipertecnologico munito di  autoblindo, mitragliatrici, ragazzini armati di tutto punto con divise antiproiettile, motovedette, cacciabombardieri. “ E i razzi di Hamas e i razzi della Jihad?” Questa era la frase che abbiamo sentito più frequentemente da parte di giornalisti atteggiati a fare “il giornalismo serio” il giornalismo veramente cazzuto, tosto, duro (???!!!). Facevano veramente ridere se non ci fosse da piangere. In tutte le trasmissioni mainstream che ho sentito era una giaculatoria continua ….ei i razzi di Hamas … cosa mi dice dei razzi di Hamas? Domande veramente profonde che avrebbero dovuto avere l’effetto di inchiodare l’interlocutore. Ma i razzi che cosa??? Mettere sullo stesso piano l’aggressore e l’aggredito è una tattica furba ma che non fa fare un passo alla risoluzione dell’aggressione israeliana. Non parliamo poi di mettere sullo stesso piano una potenza nucleare con il quarto esercito più tecnologico del mondo contro i 100-200-1000 (anche qui i numeri che i giornalisti davano erano numeri in libertà) razzi di Hamas. E’ sempre esecrabile contare i morti da una parte e dall’altra, ma come rapporto siamo più o meno vicini alle rappresaglie naziste: 20 palestinesi per un israeliano. Si può discutere sulla opportunità strategica, sui dissidi interni che certamente ci sono stati. Così come avveniva quando, nella lotta partigiana, avvenivano furiose discussioni sulla scelta di portare aventi determinate azioni di guerra non condivise da tutti, ma questo non ha mai fatto mettere sullo stesso piano il nazismo e la resistenza ad esso.  Un altro importante aspetto da considerare è che quegli stessi che si stracciano le vesti per i razzi di Hamas sono gli stessi che stanno mettendo fuorilegge il BDS, il movimento di resistenza non violenta di boicottaggio ad israele. Cioè da una parte usano i razzi di Hamas per fomentare reazioni antipalestinesi dall’altra impediscono che gli stessi usino un sistema di lotta non violenta.

Apartheid, questa è l’altra parola taciuta. Possibile che anche dopo il rapporto, minuzioso ed iperdocumentato di HRW sull’apartheid israeliana, (qui)  nessuno, ma proprio nessuno in  tutte le interviste e dibattiti che ho ascoltato ha pronunciato questa parola che sta  alla base di tutto? Non staremo qui a parlare se non ci fosse l’apartheid israeliana. Tra gli altri dibattiti ho ascoltato un seminario dell’ISPI che è un ente che fa ricerca seguendo analisi sui diritti umani, ingiustizie nel mondo ecc… (qui) dove tra gli invitati c’era Gad Lerner che doveva coprire il punto di vista israeliano ed altri relatori che dovevano cercare di portare il punto di vista Palestinese. In quasi un’ora di seminario nessuno ha mai pronunciato la parola Apartheid, men che meno la parola occupazione, resistenza, BDS… Gad Lerner poi, ha detto che era spaventato dal nuovo volto dell’estremismo isreliano riferendosi all’episodio del raduno sul monte Meron di 100000 ebrei ultraortodossi, dove per la calca sono morte quasi 50 persone e dove la polizia non è stata in grado di imporre misure di sicurezza per la sfrontatezza e l’arroganza delle persone. Ricordo a  Gad lerner  che quelle sono le stesse persone che vanno ad incendiare uliveti, dissotterrare aranceti palestinesi, attaccare case palestinesi, scortati dall’esercito israeliano.

Le parole che non abbiamo sentito sono state sostituite da parole come equidistanza, senso di responsabilità tra le parti, razzi di Hamas … insomma da parole vuote, senza senso, veramente prive di un significato riconducibile alla realtà.

In geometria l’equidistanza è  la relazione tra due oggetti aventi la stessa distanza da un terzo oggetto. La traslazione in senso figurato della stessa parola assume un significato opposto. Quasi un ossimoro. In politica l’equidistanza, come sappiamo non esiste. Chi la tira in ballo vuole contrabbandare una distanza uguale tra due parti politiche ma in realtà ha già deciso da che parte stare. In genere la usa chi appoggia il più forte per cercare di contrabbandare una solidarietà inesistente con il più debole. Come possono gli USA essere equidistanti da israeliani e palestinesi quando il massacro su Gaza non si è fermato proprio grazie al loro divieto al consiglio di sicurezza? Quando hanno in atto un piano da 30 miliardi (trenta! Quasi Il bilancio annuale del Monzambico!) di dollari di aiuti in spese militari per  israele (750 milioni dati all’indomani della gragnaiuola di bombe su Gaza). Un piano in 10 anni non firmato dal “cattivo” Trump ma dal “bravo” Obama. Gli USA stanziano miliardi di dollari in favore di  israele come se questo fosse un paese in via di sviluppo.

Come può essere equidistante l’Europa che al la di poche ed insignificanti prese di posizione di facciata, continua a fare affari con israele, soprattutto militari. Non parliamo dell’equidistanza del PD, che ha cercato di coprire l’ignominiosa foto di Letta con i fascisti italiani che solidarizzavano con i fascisti israeliani, con una telefonata all’ambasciatrice palestinese!

Certo, le parole taciute sono una spia preoccupante ma qualche segnale di speranza c’è. In questi anni, nonostante le divisioni della sua classe politica, il popolo palestinese è attraversato da un fermento “rivoluzionario” mai visto prima. Tutto  questo grazie ad associazioni di base ed a giovani molto ben preparati dalle ottime università Palestinesi. Da questi giovani  nascono, in totale autonomia da partiti e fazioni politiche, iniziative come la marcia del ritorno, incontri settimanali non violenti in solidarietà ai villaggi particolarmente segnati dalle demolizioni e dalle “deportazioni”, come è avvenuto recentemente a Sheikh Jarrah, il quartiere di Gerusalemme che ha fatto nascere l’ennesima aggressione israeliana. Speranza anche alimentata dalla solidarietà internazionale che si è manifestata, non con le prese di posizione della diplomazia politica, ma  con i milioni di cittadini in tutto il mondo che hanno manifestato in favore del popolo palestinese. In America poi sta avvenendo un fatto se vogliamo più prosaico ma non  meno importante. Qui infatti,  nonostante gli sforzi della propaganda israeliana, i cittadini che pagano le tasse riescono a capire sempre meno perché molti dei loro soldi  debbono andare ad “aiutare” un paese considerato tra i più ricchi al mondo! 

Questo articolo è stato pubblicato su il manifesto sardo il 30 maggio 2021

Aiutaci a diffondere il giornalismo libero e indipendente.