Skip to content

Il neofascismo in Confindustria

Il 25 Aprile ha ricordato “le vittime dei partigiani rossi”. Durante la pandemia ha definito irresponsabili gli scioperi dei lavoratori per la salute. Ora ha chiesto di abolire i contratti nazionali e il decreto dignità. Marco Bonometti, presidente di Confindustria Lombardia e grande elettore di Bonomi, è un fascista che oggi interpreta perfettamente un padronato fallimentare che spera di recuperare affari con metodi fascisti nei luoghi di lavoro.

Padrone fascista è un’accusa rivolta, soprattutto nel passato, ai proprietari e ai dirigenti di aziende che colpivano i lavoratori con provvedimenti autoritari e discriminatori. Con questo non si voleva necessariamente affermare che gli accusati fossero ideologicamente sostenitori del fascismo, ma che ne applicavano i metodi nei luoghi di lavoro.

Che succede invece quando uno dei principali esponenti della Confindustria è proprio un fascista, nel senso di Mussolini, camice nere, Repubblica sociale e così via?

Se si percorre l’account Facebook di Marco Bonometti, presidente di Confindustria Lombardia, non si trova solo le pubblicità delle sue case di cura e della sua azienda metalmeccanica, inframmezzate ad eventi sportivi. Non si incontrano solo le condivisioni dei post di Lara Comi, la parlamentare di Forza Italia, per la quale Bonometti è indagato dalla magistratura per finanziamento illecito. Se si arriva al 26 aprile 2019 si vede come l’industriale bresciano abbia celebrato la Liberazione: ricordando “le vittime dei partigiani rossi”.

Perché Marco Bonometti a Brescia è notoriamente conosciuto come fascista, con i busti di Mussolini negli uffici e con le messe del 28 aprile in suffragio del dittatore, alle quali gli organizzatori accreditavano la presenza assidua di “importanti imprenditori”. Del resto è storia di famiglia, in quanto l’industriale è figlio di Carlo Bonometti, comandante delle brigate nere di Gardone Val Trompia, condannato nel 1949 a 22 anni e 6 mesi di reclusione per l’uccisione di partigiani. E al repubblichino assassino Carlo Bonometti, su richiesta del figlio, la giunta di destra del comune bresciano di Rezzato ha intitolato la via ove risiede la fabbrica di famiglia.

A Brescia c’è una tradizione di padroni fascisti, che fecero affari con i nazisti e la repubblica di Salò e che negli anni settanta furono finanziatori e sostenitori di organizzazioni neofasciste, anche implicate nella strage di piazza Loggia. Successivamente le cose sono in parte cambiate, ma chiaramente qualcosa è rimasto, o è tornato. D’altra parte la Confindustria non ha mai espresso pregiudiziali antifasciste, solo lo Statuto dei diritti dei lavoratori le ha sempre fatto orrore.

Così non c’è da stupirsi se Marco Bonometti sia diventato presidente dell’associazione bresciana degli industriali e poi da lì sia salito al vertice della Confindustria Lombardia. Da quella posizione è poi divenuto grande elettore di Bonomi, che per altro non ha certo sentito problemi politici nel sostegno di Bonometti. Il quale però, o per consigli o per propria scelta, ora pare si proclami renziano, evidente considerando questa la collocazione meno faticosa per un padrone fascista.

Il presidente di Confindustria Lombardia ha dato prova di sé quando, durante il dilagare della pandemia, si è vantato di aver impedito le zone rosse a Bergamo e a Brescia e ha definito come irresponsabili gli scioperi dei lavoratori per la salute e la vita propria e delle proprie famiglie. Oggi egli esprime quella energia creativa degli imprenditori, che secondo Bonomi dovrebbe ricevere dal governo tutti i soldi pubblici. Quegli imprenditori che più sono barbari, più sono esaltati da Salvini e che secondo il piddino Del Rio sarebbero i veri eroi della ripresa, altro che medici ed infermieri.

Ora questo eroe creativo ha chiesto di abolire i contratti nazionali e il decreto dignità e poi vorrebbe un’altra valanga di flessibilità, fermandosi, per ora, solo sulla soglia del ritorno ufficiale alla schiavitù; ma nessun commentatore ufficiale ha ricordato le sue simpatie fasciste. Del resto il bocconiano Bonomi, manager colto e senza fabbrica, aveva già proclamato le stesse rivendicazioni, ricevendo gli elogi bipartizan del palazzo e della grande stampa.

Come si sa, da più di trent’anni ogni distruzione di diritti dei lavoratori viene concordemente presentata come modernità e progresso. E guai a criticare quei padroni e quelle leggi che hanno trasformato il rapporto di lavoro in un sistema oppressivo, lesivo della libertà e della dignità. Chi oggi osi esprimere questi giudizi, viene subito tacciato di propagandare vecchie ideologie superate.

E invece è proprio il nostalgico Bonometti che propone di tornare al 1925, quando il suo idolo Mussolini sciolse i sindacati e le commissioni interne, vietò la libera contrattazione sindacale, impose ai lavoratori l’obbligo di iscriversi ai sindacati fascisti, dei quali facevano parte anche i padroni. E infatti il padrone bresciano chiede al governo di intervenire contro i contratti, esattamente come fece il duce.

Bonometti è un fascista che fa il padrone e oggi interpreta perfettamente un padronato fallimentare, che si prepara ai licenziamenti di massa e spera di recuperare affari e con metodi fascisti nei luoghi di lavoro. Oggi lo slogan “padrone fascista” denuncia sia i metodi, sia il neofascismo nel gruppo dirigente di Confindustria.

Questo articolo è stato pubblicato su Micromega il 17 luglio 2020

Aiutaci a diffondere il giornalismo libero e indipendente.

Articoli correlati

Genova non fu la fine dei movimenti
di Donatella Della Porta, Fabio Sparagna /
Il ritorno in piazza Alimonda 20 anni dopo
di Roberto Pietrobon /