Skip to content

Addio a Sandra Mantovani, voce della storia e della libertà


di Antonio Bonomi
L’8 marzo, ogni anno, da decenni è costume che da tutte le reti radio e tv risuoni la voce di Sandra Mantovani, storica interprete dei canti popolari e di protesta italiani. È morta il 1 ottobre scorso, a 88 anni, nella sua casa a Milano. Con il marito, l’etno-musicologo Roberto Leydi e un gruppo di “noi di sinistra”, fece vivere un filone di ricerca e di diffusione del patrimonio popolare, dai “Dischi del Sole” e “Nuovo Canzoniere Italiano” a spettacoli di grande successo come “Bella Ciao” e “Ci ragiono e Canto” degli anni Sessanta. Le sue canzoni ci indicano ancora le aggrovigliate vie della storia e della libertà.

Aiutaci a diffondere il giornalismo libero e indipendente.